27 maggio 2009

America2008. Back in town

Cari tutti/e,

dopo quasi un mese di silenzio e un lavoro a singhiozzo riprendiamo appieno le nostre attività. Il libro è andato benissimo, oltre ogni aspettativa. Non vogliamo esagerare nelle autocelebrazioni, ma le reazioni che abbiamo avuto a questo testo ci hanno convinto a continuare il lavoro. Adesso è più complicato: ne succedono troppe in Italia per non stare molto più attenti al cortile di casa nostra.. E comunque parleremo un po' di più anche di quello che accade da noi

La partita McCain - Bush era una faccenda più semplice, un "prodotto" più accattivante per tutti: una comunicazione seria su quello che sta accadendo ora è cosa ben più complessa, più faticosa da costruire e da seguire per chi ci legge, ma vale veramente la pena proseguire perché l'America di oggi non è per niente un posto banale.

Il nostro pensiero è sostenuto da tesi - speriamo - forti e ragionate, da un modo di pensare all'America del quale abbiamo dato conto nel libro: da quella base ripartiamo. Buona lettura.

2 commenti:

juhan ha detto...

Bentornati! Se ne sentiva la mancanza.

bof ha detto...

Meno male che siete tornati. Non ne potevo più di dover legger Cristian Rocca per sapere qualcosa di Usa...